Irlanda del Nord: Belfast, Giant Causeway e Carrick in tre intensi giorni.

A qualcuno è venuto in mente di visitare l’Irlanda del Nord? Se la risposta è si allora siete nel posto giusto, al contrario è arrivato il momento di pensarci!

In questo articolo racconterò la mia avventura trascorsa tra Belfast e dintorni, da cui potreste eventualmente trarre spunto per il vostro prossimo viaggio… chi lo sa!

Badate bene, che siate amanti del relax, della cultura o delle “Wild Adventures”, l’Irlanda è il posto ideale per chi ama viaggiare solo o vuole perdersi nel verde per rigenerare la mente.

Perché amo gli Irlandesi? Perché sono gentili e chiacchieroni, forse più di me!

Capisci che puoi sentirti a casa sin da subito, e per subito intendo dal poliziotto al controllo passaporti che ti fa “Hello and welcome, how are you?” Lo trovo un popolo davvero gentile e affascinante.

Ma occhi attenti adesso, ecco cosa ho combinato!

Belfast può essere raggiunta sia direttamente dall’aeroporto che da Dublino: io ho preferito trascorrere una notte qui perché ci sono molto affezionato, girare anche solo per una notte tra le strade di questa città mi riempie l’anima di pace! E poi perché non approfittarne per vederla vestita a festa?

Temple Bar

Nota di viaggio: tra le compagnie di bus transfert vi suggerisco alcuni nomi:

Dublino/Belfast: “Dublin Coach” o “Citylink” (€ 10,00 durata 2 ore)

Aeroporto/Belfast: “Transazione Goldline” (€ 10,00 durata 2,5 ore)

Aeroporto/Dublino: “Coach bus” o biglietterie automatiche all’esterno del terminal. (€ 7,00 durata 20 min. )

Prima di iniziare ufficialmente il mio giro, ho coraggiosamente ceduto alla tentazione di provare la tipica colazione irlandese: più che altro sembra un pranzo della domenica o una roba alla “Foodporn” se consumata alle 09.00.

Chiamato “Ulster Fry”, la colazione dei campioni è composta da un mix di carne, salsicce, uova, fagioli, patate, funghi, pomodori e l’immancabile pane casereccio Irlandese.

Per i deboli di stomaco: lasciate perdere, non vorrei avervi sulla coscienza!

Una volta riempito lo stomaco, tra le mete “must” il Municipio di Belfast, il City Hall, affascinante costruzione in pietra bianca di Portland che ospita uffici municipali, caffè, arte pubblica e un giardino.

City Hall Belfast

È possibile fare gratuitamente un tour guidato della struttura ma, se siete sempre in ritardo come me, ne farete a meno. C’est moi!

Piccola chicca natalizia: al suo interno è installato l’albero di Natale più bello io abbia mai visto!

Un maestoso albero natalizio nella hall del Municipio

Prossima tappa: il vittoriano St. George Market.

Con le sue 250 bancarelle, il St. George Market è il mercato coperto più grande e antico della città: è possibile trovare ogni prelibatezza della cucina del posto, dell’artigianato locale e dell’antiquariato.

Fonte: irlandando.it

Se decideste di andarci, però, prima di iniziare a degustare mi ricorderei della colazione appena mandata giù: è disumano il modo in cui perda il controllo sul cibo quando viaggio.

Al Titanic Quarter Belfast c’è da visitate il famoso Titanic Museum e ammirare (lasciandovi commuovere) la SS Nomadic, l’unica nave tender rimasta intatta a supporto del transatlantico più famoso del mondo.

SS Nomadic
Dettaglio SS Nomadic

La SS Nomadic accompagnava i passeggeri di prima e seconda classe alla nave e forniva carburante.

Il costo del biglietto per il Titanic Museum è di 18,50 Sterline ma, se questa volta siete in ritardo per un’indigestione durante il tragitto, ne pagherete solo dieci: a un’ora dalla chiusura il prezzo d’ingresso viene ridotto!

Si tratta di un museo interattivo, ma si possono vedere alcuni resti del relitto, oggetti personali dei passeggeri tragicamente scomparsi, riproduzioni delle cabine, ascoltare le registrazioni originali del personale di bordo e rivivere gli ambienti del Titanic attraverso simulazioni in 3d.

Riproduzione di una cabina di prima classe
Interni del museo

Tutto questo in una struttura monumentale di carattere futuristico, un capolavoro di arte moderna.

Vista esterna del Titanic Museum Belfast

Post museo: non fate il mio stesso errore, quindi niente pennichella pomeridiana!: Come in gran parte del Regno Unito, gli Irlandesi cenano alle 18:00/19:00, altrimenti si rischia di trovare le cucine più buone chiuse e dover ripiegare su McDonald e Burger King! (Please, no!)

Piuttosto che stravaccarvi come ho fatto io, se avete ancora abbastanza luce fate visita ai Belfast Murals (I murales di Belfast): rappresentano la lotta per ottenere il riconoscimento dei diritti civili e l’esternazione delle atrocità vissute dalla comunità. Una sorta di fusione tra arte e denuncia.

(foto scattate poco prima di ripartire per l’Italia, lungo una maratona che credo mi sia costata una tacca del pacemaker)

Tra le vie principali vi sono la protestante Shankill Road e la cattolica Falls Road, due vie tristemente famose e citate innumerevoli volte nei notiziari di mezzo mondo, segnate dai graffiti che immortalano sangue e sofferenza. Potete raggiungerle attraverso i famosi Taxi Neri, riservati ai turisti, all’interno dei quali è possibile anche ascoltare una spiegazione del conducente.

Come anticipato, io ho fatto un piccolo tour di corsa prima di tornare a casa: se siete amanti delle passeggiate vi ritroverete in tasca 30 Sterline in più e, nel mio caso, bagnati fradici fino all’anima.


Consigli per la cena.

“Morning Star”: nonostante fossi in ritardo, come al solito, la cucina era aperta!

Qui preparano degli hamburger buonissimi con carne di manzo puramente irlandese e di alta qualità. Costo medio 15 Sterline per un hamburger e una coca-cola

È da qui che sto scrivendo, seduto fuori mentre fumo una sigaretta con i nervi distesi, la testa leggera e gli occhi che scrutano ogni dettaglio di questa viuzza silenziosa, in un’atmosfera così avvolgente che resterei qui a scrivere fino a domani. #Vivo.

Esterno del Morning Star

“The dirty onion Yardbird”: Cibo e musica tradizionale creano la magia perfetta tipica dei pub Irlandesi (tutti siamo amici anche se non ci siamo mai parlati, quindi abbracciamoci). Costo medio 16 Sterline per metà pollo arrosto, insalata di avocado, una lattina di birra e una pinta.

Qui ho conosciuto Estelle, una Interior designer francese che conosce cinque lingue e gira il mondo in cerca di ispirazione, la ammiro (e invidio!). Davvero simpaticissima.

La mia nuova amica Estelle

Nota bene: in Irlanda del Nord solo sterline! Attenti a non confondervi: Se pagate con carta siete apposto per il 94% degli acquisti, se pagate in euro il resto vi verrà dato in sterline. Quindi il mio consiglio è di cambiare una minima somma per essere tranquilli su tutto.


Consigli per il dopo cena.

Come si può non ascoltare della musica Irlandese gustando del sidro in uno dei bellissimi pub di Belfast?

Due i nomi da non perdere: “The Jailhouse” e l'”Enrys”.

Per gentile concessione dei proprietari ho scattato qualche foto agli interni per mostrarveli.

Esterno del Jailhouse
Interni del Jailhouse
Interni dell’ Enrys

Tra i club “meno irlandesi” c’è “La Revolucion de Cuba”: spazi molto ampi e curati, musica cubana e una selezione di Rum da fare invidia.

A questo punto chiamerei concluso il mio primo giorno a Belfast, una città così raccolta e piena di vita che senza dubbio mi ha rubato tante emozioni…oltre al cappellino, che avrò lasciato chissà dove!

L’aba di Belfast alle 08.00 del mattino

Giorno due, la parte che adoro di più!

Qui cambiamo totalmente registro: gli spazi si allargano a vista d’occhio, la mente si perde nella natura e le bellezze del mondo si mostrano sfacciate ai miei occhi ormai stregati.

Pronti a scoprire Carrick e la Giant Causeway?

Cliccate qui per il prossimo articolo e scoprirete insieme a me le meraviglie naturali di questo Paese!

Stay Restless!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...